TORNA ALLE NEWS

Appalti, arriva il DURT

Arriva il modello per il Durc fiscale con la certificazione dei requisiti di regolarità da consegnare al committente per adempiere ai nuovi obblighi introdotti dalla legge numero 124 del 2019 in maniera più semplice. È grazie alla certificazione di regolarità che le imprese committenti possono verificare in maniera più veloce che le appaltatrici siano in linea con i requisiti richiesti in caso di opere o servizi superiori a 200.000 euro.

Entro 5 giorni, il committente deve verificare il versamento delle ritenute da parte delle imprese ricevendo dall’impresa appaltatrice o affidataria e dalle imprese subappaltatrici una serie di dati, tra cui l’elenco nominativo dei lavoratori impiegati nel mese precedente e l’ammontare della retribuzione. Ma a questo iter complesso c’è un’alternativa: consegnare al committente il durc fiscale che attesta la sussistenza dei requisiti previsti dalla nuova normativa. Si tratta di una certificazione esente da imposta di bollo e tributi speciali.

Il certificato di sussistenza dei requisiti previsti dal citato articolo 17-bis, con riferimento all’ultimo giorno del mese precedente a quello della scadenza di cui al comma 2 dell’articolo 17-bis, è messo a disposizione a partire dal terzo giorno lavorativo di ogni mese e ha validità di quattro mesi dalla data del rilascio.

Il modello che permette alle imprese di snellire le procedure richieste per le ritenute sugli appalti certifica i seguenti requisiti:

  • essere in attività da almeno tre anni;
  • essere in regola con gli obblighi dichiarativi;
  • versamenti in conto fiscale non inferiori al 10 per cento dei ricavi e compensi;
  • assenza di debiti non soddisfatti.


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano

condividi.