Bonus innovazione, più ricco con l’investimento ecologico

12 Gennaio 2020 Categorie: accertamento,agevolazioni,altro,antiriciclaggio,appalto,artigiani e commercianti,bilancio,blockchain,cittadini,crisi d impresa,Decreto Fallimento,dogana,edilizia,enti locali,Fallimentare,finanziamenti,fisco,governance e codice etico,guida 4.0,Industria 4.0,lavoro,locazione,marchi e brevetti,operazioni straordinarie,previdenz,previdenza,privacy,professionisti,responsabilità,revisione,riscossione,sicurezza sui luoghi di lavoro,societá,subappalto,terzo settore,

Per il 2020, le imprese che investiranno nell’innovazione tecnologica potranno fruire di uno specifico credito d’imposta, separato, ulteriore e con aliquote diverse rispetto al credito d’imposta previsto per le attività di ricerca e sviluppo.

La Legge di Bilancio 2020 introduce un credito per le attività di innovazione tecnologica, ossia per le attività, diverse da quelle per le quali si può fruire del credito per gli investimenti in ricerca e sviluppo di cui al comma 200, finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati. 

Il beneficio è calcolato in misura pari al 6% o al 10% della relativa base di calcolo, assunta al netto delle sovvenzioni o dei contributi a qualunque titolo ricevuti sulle stesse spese ammissibili, con un limite annuale di importo del credito di 1,5 milioni di euro. 

La norma prevede che per prodotto o processo di produzione nuovo o sostanzialmente migliorato si intende un bene materiale o immateriale o un servizio o un processo che si differenzia, rispetto a quelli già realizzati o applicati dall’impresa, sul piano delle caratteristiche tecnologiche o delle prestazioni o dell’eco-compatibilità o dell’ergonomia o per altri elementi sostanziali rilevanti nei diversi settori produttivi. Non sono considerate attività di innovazione tecnologica ammissibili al credito d’imposta le attività di routine per il miglioramento della qualità dei prodotti e in generale le attività volte a differenziare i prodotti dell’impresa da quelli simili presenti sullo stesso mercato concorrenziale per elementi estetici o secondari, né le attività per l’adeguamento di un prodotto esistente alle specifiche richieste di un cliente nonché le attività per il controllo di qualità e la standardizzazione dei prodotti. 

Fermo restando il limite di 1,5 milioni di euro, la percentuale di calcolo del beneficio è elevata dal 6% al 10% della base di calcolo se le attività sono destinate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati per il raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0. Ciò significa che a parità di investimenti, il beneficio è maggiore se essi sono finalizzati alla transizione ecologica e alla innovazione digitale. 

Quanto alla base di calcolo, simile a quella degli altri crediti, essa, in sintesi, è determinata sui seguenti elementi riferiti direttamente alle attività ammissibili: 

  1. spese per il personale, che in presenza di talune condizioni (età non superiore a 35 anni, primo impiego, possesso di un titolo qualificato, assunzione con contratto a tempo indeterminato e impiegati esclusivamente nell’innovazione tecnologica) concorrono per il 150% del loro ammontare; 
  2. quote di ammortamento, canoni di locazione finanziaria o semplice, spese relative ai beni materiali mobili e software utilizzati anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota, nel limite del 30% delle spese di personale indicate alla lettera a); 
  3. spese per contratti con residenti Ue, See o white list. Nel caso di contratti infragruppo, si applica il concetto di trasparenza;
  4. spese per servizi di consulenza ed equivalenti, forniti da residente Ue, See o white list, nel limite del 20% delle spese di personale indicate alla lettera a);
  5. spese per materiali, forniture e simili impiegati anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota, nel limite del 30 per cento delle spese di personale indicate alla lettera a), ovvero del 30 per cento delle spese per i contratti indicati alla lettera c)


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano