TORNA ALLE NEWS

Credito R&S, escluso per le innovazioni di processo

Le Entrate e il Mise negano il beneficio in relazione alle attività che, pur dando luogo a un ampliamento del livello delle conoscenze o delle capacità della singola impresa, non siano innovative a livello di settore merceologico, con un orientamento che, di fatto, limita la fruibilità dell’agevolazione, confermando quanto affermato dalla risoluzione 40/19. 

La risposta trae origine da un interpello presentato da una società che opera nel settore del retail food in relazione a un progetto riguardante l’attività di R&S sperimentale inerente lo «studio innovativo di nuovi processi aziendali», legati alla individuazione di nuovi modelli di gestione dei rifiuti secondo l’introduzione di modelli e parametri gestionali legati al principio dell’economia circolare. La società istante ritiene che siano presenti i cinque requisiti del Manuale di Frascati. 

L’Agenzia invece nega il beneficio, sulla scorta di un conforme parere del Mise, che richiama la risoluzione 40/E/19, al fine di ribadire che nel campo di applicazione della disciplina agevolativa non rientrano automaticamente le attività innovative svolte dalle imprese, ma solo quelle che:

  • nell’ambito di un determinato progetto finalizzato all’introduzione di un nuovo prodotto (bene o servizio) o di un nuovo processo (di produzione di un prodotto) – ovvero finalizzato a apportare significativi miglioramenti a prodotti o processi esistenti; 
    • si rendano necessarie per il superamento di un problema o di un’incertezza scientifica o tecnologica, la cui soluzione non sarebbe possibile sulla base dello stato dell’arte del “settore di riferimento”, e cioè applicando le tecniche o le conoscenze già note e disponibili in un determinato comparto scientifico o tecnologico.

Sono escluse le attività che, pur dando luogo a un ampliamento del livello delle conoscenze o delle capacità della singola impresa, derivino essenzialmente dall’effettuazione di investimenti volti all’introduzione da parte della stessa di tecnologie e conoscenze già note e diffuse nell’ambito del “settore di appartenenza”. 

Applicando tali criteri alla fattispecie dell’interpello, il Mise esclude che le attività svolte dall’istante possano considerarsi attività di R&S ammissibili al credito d’imposta, trattandosi di pratiche già definite e la cui applicazione è possibile rinvenire in più settori, compreso quello della Gdo in cui opera l’impresa. Il Mise osserva poi che il progetto:

  • non concorre a alcun avanzamento sul piano scientifico e tecnologico;
    • non presenta alcun rischio d’insuccesso tecnico; 
    • in ordine all’utilizzabilità e replicabilità, i rischi affrontati sono di tipo economico-finanziario normalmente presenti in tutti i casi in cui un’impresa valuti la praticabilità di un nuovo modello di business.


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano

condividi.