Documenti per UNICO/730 2019

25 Marzo 2019 Categorie: accertamento,agevolazioni,altro,antiriciclaggio,appalto,artigiani e commercianti,bilancio,blockchain,cittadini,crisi d impresa,Decreto Fallimento,dogana,edilizia,enti locali,Fallimentare,finanziamenti,fisco,governance e codice etico,guida 4.0,Industria 4.0,lavoro,locazione,marchi e brevetti,operazioni straordinarie,previdenz,previdenza,privacy,professionisti,responsabilità,revisione,riscossione,sicurezza sui luoghi di lavoro,societá,subappalto,terzo settore,

I documenti Unico PF/730 sono indispensabili per poter fruire delle detrazioni e deduzioni di imposta circa le spese sostenute dal contribuente nel corso dell’anno 2018.

Per avere diritto a questi benefici, risulta però necessario certificare le spese sostenute con ricevute, scontrini e fatture se riguardano ad esempio le spese mediche sanitarie effettuate dallo stesso contribuente o per conto del familiare a carico, spese funebri o veterinarie, o con copia dei contratti mutuo per procedere alla detrazione degli interessi passivi o delle spese per l’acquisto dell’immobile prima abitazione ecc.

Tutta la documentazione, circa le detrazioni ai fini Irpef, devono essere quindi presentate all’intermediario abilitato o al sostituto di imposta in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi mediante modello Unico PF/730 e deve essere conservata per i successivi 4 anni.

QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI DA PRESENTARE?

DATI DEL CONTRIBUENTE

1. Fotocopia codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico, anche per i familiari di extracomunitari;
2. Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o Unico), compresa la Certificazione Unica, eventuali deleghe di versamento;
3. Modello F24;
4. Dati del datore di lavoro che effettuerà il conguaglio a luglio;
5. Fotocopia documento del dichiarante/richiedente.

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE/PENSIONE E ASSIMILATI

1. Certificazione Unica;
2. Certificato delle pensioni estere;
3. Assegni periodici percepiti dal coniuge, in base a sentenza di separazione o divorzio;
4. Attestazione del datore di lavoro, delle somme corrisposte a COLF o BADANTI.

ALTRI REDDITI

1. Corrispettivi per lottizzazione terreni o cessione di immobili avvenuti negli ultimi 5 anni;
2. Redditi diversi percepiti dagli eredi.

TERRENI E FABBRICATI

1. Visura catastale;
2. Atti o contratti di compravendita, donazione, divisione, successione;
3. Contratti di locazione Legge 431/98;
4. Canone da immobili affittati;
5. Copia bollettini/F24 di versamento Tasi/IMU pagati nel 2018 (con il relativo calcolo, se disponibile).

Per chi ha scelto la cedolare Secca:
1. ricevuta della raccomandata inviata all’inquilino, copia del contratto, eventuale F24, modello SIRIA, Modello 69.

ELENCO SPESE DETRAIBILI O DEDUCIBILI

Casa:
1. Contratto di locazione, per le persone che vivono in affitto;
2. Quietanza di versamento degli interessi per mutui casa, atto di acquisto, atto di mutuo;
3. Fatture pagate al notaio per l’atto di acquisto e la stipula del mutuo stesso;
4. Fattura pagata ad agenzie immobiliari per l’acquisto della prima casa;
5. Tutta la documentazione per la detrazione per le ristrutturazioni edilizie: fatture, bonifici, concessioni, autorizzazioni, comunicazioni inizio lavoro, comunicazione al Centro Operativo di Pescara, ricevuta della raccomandata per i lavori effettuati fino al 31 dicembre 2010;
6. Tutta la documentazione per spese di risparmio energetico, fatture, bonifici e la ricevuta dell’invio della documentazione all’ENEA.
7. Bonus mobili – per arredo immobili ristrutturati:
8. Documentazione che attesti l’avvio delle opere di ristrutturazione, fatture relative alle spese sostenute per l’arredo con la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti;
9. (le spese sostenute devono essere state effettuate tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2017);
10. Ricevute dei bonifici bancari o postali relativi al pagamento delle fatture, ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente;

11. Acquisto abitazione principale in leasing:
12. Contratto di leasing, Certificazione rilasciata dalla società di leasing attestante l’ammontare dei canoni pagati;
13. Autocertificazione nella quale si dichiara di aver adibito l’immobile ad abitazione principale entro un anno dalla consegna;
14. Acquisto unità immobiliari a destinazione residenziale classe energetica A o B – detrazione IVA;
15. Atto di acquisto immobile contenente descrizione requisiti classe energetica;
Le spese sostenute devono essere state effettuate tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2018.

Figli:
1. Ricevute o quietanze di versamento di contributi per iscrizione ragazzi ad attività sportive dilettantistiche (palestra, piscina…);
2. Contratti di locazione pagati per studenti universitari fuori sede o convitti;
3. Rette pagate per l’asilo nido;
4. Spese di istruzione per la frequenza di:
o scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (tasse, contributi, mensa);
o corsi di istruzione universitaria presso università statali e non statali, tenuti presso università o istituti pubblici o privati, italiani o stranieri.

Ex coniuge:
1. Assegni periodici versati o percepiti dall’ex coniuge;
2. Sentenza di separazione;
3. Codice fiscale dell’ex coniuge.

Assicurazione e previdenza:
1. Contratto stipulato e quietanza di versamento assicurazione vita, infortuni rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, a tutela delle persone con disabilità grave;
2. Contributi versati per assicurazione obbligatoria INAIL contro gli infortuni domestici (assicurazione casalinghe);
3. Ricevute versamento contributi previdenziali obbligatori o facoltativi;
4. Quietanza di versamento a Fondi di previdenza complementare.

Spese mediche:
1. Parcelle per visite mediche generiche o specialistiche;
2. Scontrini della farmacia (tickets, farmaci da banco, medicinali, omeopatia);
3. Spese odontoiatriche o oculistiche (occhiali, lenti a contatto e liquidi);
4. Documentazione attestante la marcatura CE per i dispositivi medici (inclusi occhiali da vista);
5. Tickets ospedalieri/sanitari o per esami di laboratorio;
6. Ricevute per interventi chirurgici, degenze e ricoveri;
7. Ricevute per acquisto protesi sanitarie;
8. Ricevute per spese sanitarie sostenute all’estero;
9. Spese sanitarie per portatori di handicap (mezzi necessari all’accompagnamento, deambulazione, sollevamento o sussidi informatici);
10. Spese per veicoli per i portatori di handicap (autoveicoli o motoveicoli);
11. Documentazione comprovante il costo per la badante;
12. Spese veterinarie.

Altro
1. Erogazioni liberali (Onlus, Ong, Istituzioni religiose, TRUST e Fondi Speciali, Partiti politici ed Istituti scolastici etc.);
2. Ricevute versamenti contributivi all’INPS per lavoratori domestici;
3. Spese per l’acquisto di cani guida;
4. Tasse consortili;
5. Spese funebri.

Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano