Fondi bilaterali, facoltà per riscatto laurea

19 Agosto 2019 Categorie: accertamento,agevolazioni,altro,antiriciclaggio,appalto,artigiani e commercianti,bilancio,blockchain,cittadini,crisi d impresa,Decreto Fallimento,dogana,edilizia,enti locali,Fallimentare,finanziamenti,fisco,governance e codice etico,guida 4.0,Industria 4.0,lavoro,locazione,marchi e brevetti,operazioni straordinarie,previdenz,previdenza,privacy,professionisti,responsabilità,revisione,riscossione,sicurezza sui luoghi di lavoro,societá,subappalto,terzo settore,

L’Inps rende finalmente esecutiva la facoltà di sostenere in modo stabile riscatti e ricongiunzioni da parte tutti i fondi di solidarietà bilaterale che prevedano l’erogazione dell’assegno straordinario di sostegno al reddito. Il decreto di riforma del Welfare ha generalizzato e reso permanente questa facoltà allargando tale facoltà a tutti i fondi di solidarietà bilaterali (escluso il Fis) già costituiti o in corso di costituzione. 

I datori di lavoro dei comparti dotati dei fondi di solidarietà potranno sostenere la spesa di riscatti e ricongiunzioni versando per il tramite del fondo gli oneri direttamente all’istituto di previdenziale e potendo così fruire della deducibilità di tali spese. Il riscatto o la ricongiunzione dovranno aumentare i contributi utili al diritto della prestazione pensionistica, escludendo pertanto i casi di riscatto utili ai soli fini della misura del futuro assegno (come nel caso del riscatto dei periodi di part-time orizzontale). Il riscatto o la ricongiunzione comporteranno in alcuni casi l’ingresso (altrimenti precluso) del dipendente nel fondo per fruire dell’assegno di solidarietà, mentre in altri casi accorcerà la durata della permanenza nel fondo medesimo, o – ancora – consentirà ai dipendenti di acquisire direttamente la pensione senza passare dall’assegno straordinario.

I datori di lavoro dovranno prima acquisire l’adesione dei lavoratori all’esodo con assegno straordinario e una specifica dichiarazione di consenso al riscatto o alla ricongiunzione del lavoratore, nonché acquisire la documentazione ordinariamente richiesta per tali operazioni (ad esempio, il certificato di laurea con indicazione della durata del corso di studi).

In attesa della telematizzazione del processo, il datore di lavoro dovrà trasmettere alla sede il modello AP125 allegato alla circolare, comprensivo degli allegati con un congruo anticipo rispetto alla data di risoluzione del rapporto ed ingresso nel fondo in modo da consentire alla sede competente di lavorare la richiesta.

L’Inps ricorda, infine, che gli oneri di riscatto dovranno essere versati in unica soluzione.


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano