Premiati i negozi con prodotti sfusi, Piano alberi per le zone urbane

19 Ottobre 2019 Categorie: accertamento,agevolazioni,altro,antiriciclaggio,appalto,artigiani e commercianti,bilancio,blockchain,cittadini,crisi d impresa,Decreto Fallimento,dogana,edilizia,enti locali,Fallimentare,finanziamenti,fisco,governance e codice etico,guida 4.0,Industria 4.0,lavoro,locazione,marchi e brevetti,operazioni straordinarie,previdenz,previdenza,privacy,professionisti,responsabilità,revisione,riscossione,sicurezza sui luoghi di lavoro,societá,subappalto,terzo settore,

Arriva il «bonus mobilità» per gli abitanti dei comuni sottoposti a procedura d’infrazione Ue per la qualità dell’aria: da 1.500 euro per chi rottama entro dicembre 2021 auto fino alla classe Euro 3 e da 500 euro per i motocicli fino agli Euro 2 e agli Euro 3 a due tempi. 

In tutto 255 milioni che i destinatari del bonus (escluso dal reddito imponibile e non rilevante ai fini Isee) potranno spendere per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico, anche a favore di persone conviventi, e di biciclette, pure a pedalata assistita. 

Il testo stanzia 40 milioni per finanziare progetti per la creazione, il prolungamento e l’ammodernamento delle corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale. E destina 20 milioni, sempre nelle aree soggette a procedura di infrazione per la qualità dell’aria, per progetti sperimentali di servizi di trasporto scolastico con mezzi ibridi, elettrici o non inferiori a Euro 6 immatricolati per la prima volta dopo il 31 agosto 2019. 

Sempre in via sperimentale, debutteranno i «green corner»: i commercianti che allestiranno spazi dedicati alla vendita di alimentari e detergenti sfusi o alla spina potranno accedere a un contributo a fondo perduto pari alla spesa documentata fino a 5mila euro, nel limite di 20 milioni annui per il 2020 e il 2021, a condizione che il contenitore offerto non sia monouso. Altro programma sperimentale introdotto dal decreto è quello per la riforestazione urbana: fino a 30 milioni per finanziare progetti di messa a dimora di alberi, di reimpianto e di silvicoltura e per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. 

Per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell’aria, entro 60 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento, con decreto del presidente del Consiglio, su proposta del ministro dell’Ambiente, dovrà essere approvato un «Programma strategico nazionale» dedicato, che dovrà contenere le misure in cantiere, le risorse e il cronoprogramma. È invece saltata la previsione di istituire una commissione interministeriale ad hoc all’interno del Cipe. Così come l’idea di una legge biennale sul clima. La trasparenza dei dati ambientali viene potenziata affidando all’Ispra la realizzazione di un database pubblico, “Informambiente”, grazie a una dotazione di 500mila euro l’anno nel triennio 2020-2022.

Nel decreto è entrata infine una norma che proroga dal 15 ottobre al 31 dicembre 2019 la sospensione delle rate dei mutui per i terremotati del Centro Italia.


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano