Rateazioni Inail, domande solo online

11 Settembre 2019 Categorie: accertamento,agevolazioni,altro,antiriciclaggio,appalto,artigiani e commercianti,bilancio,blockchain,cittadini,crisi d impresa,Decreto Fallimento,dogana,edilizia,enti locali,Fallimentare,finanziamenti,fisco,governance e codice etico,guida 4.0,Industria 4.0,lavoro,locazione,marchi e brevetti,operazioni straordinarie,previdenz,previdenza,privacy,professionisti,responsabilità,revisione,riscossione,sicurezza sui luoghi di lavoro,societá,subappalto,terzo settore,

Si chiede solo online la rateazione dei debiti Inail non iscritti a ruolo. Il pagamento della prima rata adesso è dovuto entro cinque giorni dall’accoglimento dell’istanza e non più insieme al deposito della stessa, come avveniva in passato.

L’intervento riguarda i debiti per premi e accessori, dovuti a titolo di omissione o di evasione, purché non iscritti a ruolo: infatti, in quest’ultima ipotesi, l’istanza di dilazione va presentata all’Agente della riscossione. 

La rateazione può essere richiesta anche per i debiti contributivi per i quali il datore di lavoro ha comunicato la facoltà di effettuare il pagamento in quattro rate (in sede di autoliquidazione dei premi).

Possono essere oggetto della dilazione sia i debiti contributivi scaduti, sia quelli contributivi correnti per i quali non è ancora decorso il termine di pagamento: per questa fattispecie la domanda va presentata prima dell’ultimo giorno utile per il pagamento.

Per ottenere la rateazione, l’azienda deve rispettare una serie di condizioni:

  • non deve essere presente più di una rateazione in corso concessa; 
  • non deve essere stato emesso nei confronti del debitore un provvedimento di revoca della rateazione nel biennio precedente a quello di presentazione dell’istanza; 
  • l’importo della singola rata comprensiva di interessi non può essere inferiore a 150 euro; 
  • il debitore deve dichiarare di trovarsi in temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica e riconoscere in modo esplicito e incondizionato il debito per premi e eventuali accessori di cui chiede la dilazione; 
  • l’istante deve rinunciare a tutte le eccezioni che possono influire sull’esistenza e azionabilità del credito dell’Inail, nonché agli eventuali giudizi di opposizione proposti in sede civile. 

L’Inail può concedere rateazioni fino a un massimo di 24 rate mensili. Diverse modalità vanno osservate per dilazioni più lunghe o a seconda degli importi dovuti.

È comunque opportuno che il debitore – prima di presentare l’istanza – abbia conoscenza della sua posizione contributiva complessiva, oltre alla sostenibilità dell’impegno finanziario che si sta assumendo.

Se l’azienda omette o versa solo in parte la prima rata, scatta l’annullamento della rateazione concessa e del piano di ammortamento: l’annullamento viene così comunicato al debitore insieme con la richiesta di pagamento integrale dei debiti. A quel punto, i debiti che avevano formato oggetto del piano non potranno più entrare in una nuova istanza di rateazione e saranno iscritti a ruolo dalla sede Inail competente per territorio.


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano