al professionista più tempo con il «pro forma»