ammessi anche i beni «nazionali»