fino a 2mila euro per l’omesso invio dei dati