l’agente sotto copertura non è «provocatore»