L’antieconomicità non è un dogma