Trasmissione telematica corrispettivi, come gestire i casi di emergenza

03 Novembre 2019 Categorie: accertamento,agevolazioni,altro,antiriciclaggio,appalto,artigiani e commercianti,bilancio,blockchain,cittadini,crisi d impresa,Decreto Fallimento,dogana,edilizia,enti locali,Fallimentare,finanziamenti,fisco,governance e codice etico,guida 4.0,Industria 4.0,lavoro,locazione,marchi e brevetti,operazioni straordinarie,previdenz,previdenza,privacy,professionisti,responsabilità,revisione,riscossione,sicurezza sui luoghi di lavoro,societá,subappalto,terzo settore,

Con l’avvicinarsi dell’obbligo di trasmissione giornaliera all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi agli incassi giornalieri rilevati nei propri misuratori fiscali c.d. “scontrino elettronico”, che a partire dal 1° gennaio 2020 sarà esteso a tutti gli operatori economici obbligati all’emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale, facciamo il punto delle procedure da seguire, messe a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, in situazioni di emergenza che impediscono la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri.

Le situazioni di emergenza che si possono presentare sono:

  1. assenza di connessione alla rete Internet
  2. dispositivo fuori servizio
  3. trasmissione scartata

Nel portale web Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate, sono state rese disponibili funzionalità che consentono di gestire proprio queste situazioni di emergenza nell’utilizzo dei Registratori Telematici per la memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi.

Assenza di Internet e/o problemi di connettività del registratore telematico: La funzionalità è destinata agli esercenti che non riescono a trasmettere, entro i termini il file XML dei corrispettivi correttamente predisposto e sigillato elettronicamente dal dispositivo, dopo la memorizzazione dei dati. Nel caso in cui il dispositivo risulti correttamente funzionante ma sono presenti problemi di rete, dovuti all’operatore internet utilizzato e/o alla connettività del dispositivo, è possibile trasmettere i corrispettivi mediante la funzione online “Assenza di rete”. In questo caso il Registratore Telematico deve effettuare la memorizzazione degli incassi e predisporre l’apposito file XML dei corrispettivi, comprensivo del sigillo elettronico apposto con il certificato dispositivo. Poiché il dispositivo non riesce a richiamare i servizi di trasmissione per inviare all’Agenzia delle entrate il corrispettivi giornalieri, l’esercente può estrarre il file XML sigillato, mediante apposite funzionalità del dispositivo, e trasmetterlo utilizzando la nuova funzione Assenza di rete ed effettuare l’upload del file stesso. I dati dei corrispettivi trasmessi verranno imputati all’esercente che in quel momento risulta proprietario del dispositivo firmatario del file xml, indipendentemente dal soggetto che effettua la trasmissione. La funzionalità ha valenza solo emergenziale e quindi va utilizzata esclusivamente in caso di effettiva necessità.

Dispositivo fuori servizio: La funzionalità permette di gestire la trasmissione dei dati dei corrispettivi per dispositivi con malfunzionamenti tali da impedire la memorizzazione elettronica dei corrispettivi. In caso di mancato o irregolare funzionamento, per qualsiasi motivo, del Registratore Telematico, l’esercente richiede tempestivamente l’intervento di un tecnico abilitato e, fino a quando non ne sia ripristinato il corretto funzionamento ovvero si doti di altro Registratore Telematico regolarmente in servizio, provvede all’annotazione dei dati dei corrispettivi delle singole operazioni giornaliere su apposito registro da tenere anche in modalità̀ informatica”. Tale modalità di trasmissione dei corrispettivi giornalieri sarà opportunamente classificata come “trasmissione per dispositivo fuori servizio” per distinguerla dalle situazioni con dati fiscali memorizzati elettronicamente nel registratore telematico e trasmessi telematicamente dal dispositivo stesso. Tale funzionalità potrà essere utilizzata solo in casi di effettiva necessità ed esclusivamente dopo aver comunicato a sistema lo stato “fuori servizio” del registratore telematico.

Trasmissione scartata: La funzionalità permette il recupero di alcune trasmissioni scartate, che rientrano esclusivamente in specifiche casistiche: se il corrispettivo inviato risulta scartato dal sistema AE, a causa dell’impostazione della “DataOraRilevazione” o per l’assenza della matricola del punto cassa connesso al Server RT si può evitare una nuova trasmissione delle stesse informazioni contabili procedendo con un recupero della situazione di scarto. Non saranno effettuabili variazioni sulle informazioni contabili inviate e tale recupero verrà opportunamente classificato.


Sei interessato all’articolo? Scrivici e verrai contattato da un nostro Consultant

@ Beneggi e Associati | Commercialisti al servizio delle imprese | Meda | Milano